Windows 365 inizia l’era dei Cloud Pc

microsoft porta il sistema operativo sulla nuvola con windows 365 inizia lera dei cloud pc

 

Windows 365 è il botto (ampiamente preannunciato) di mezza estate: nel corso di Inspire 2021, la conferenza annuale dedicata al proprio ecosistema di partner (circa 400mila realtà e oltre 22 milioni di professionisti in tutto il mondo), Microsoft ha ufficializzato il lancio di Windows 365, un servizio cloud indirizzato alle aziende attraverso il quale utilizzare direttamente in cloud l’attuale Windows 10 o il prossimo Windows 11. Un’altra mezza rivoluzione della società di Redmond, dopo quella del nuovo sistema operativo? Diciamo pure di sì.
Il software e l’esperienza d’uso volano nella nuvola



Microsoft parla infatti di un’esperienza di computing più completa e personalizzata su qualsiasi dispositivo e dell’opportunità di garantire alle imprese e ai loro addetti maggiore potenza elaborativa e maggiore sicurezza per lavorare in modalità ibrida. Con Windows 365, insomma, tutto il bagaglio del software operativo (app, file, dati e impostazioni) e la sua esperienza d’uso vola completamente nella nuvola di Azure, aprendo l’orizzonte a una nuova categoria di device: i Cloud Pc. “Proprio come le applicazioni sono state portate in cloud con il modello SaaS – ha spiegato in una nota il Ceo di Microsoft, Satya Natella – ora vi stiamo portando il sistema operativo, per consentire a chi lavora di essere più produttivo e connesso, indipendentemente dalla sua posizione geografica”.

Leggi anche

microsoft porta il sistema operativo sulla nuvola con windows 365 inizia lera dei cloud pc

Un pc virtuale accessibile ovunque

E siamo solo all’inizio. Jared Spataro, Corporate Vice President di Microsoft 365, ha rimarcato infatti come l’annuncio di Windows 365, che sarà disponibile per le imprese di ogni dimensione a partire dal 2 agosto, sia la prima tappa di “percorso che vedrà la scomparsa del confine tra il dispositivo e il cloud” e che segna l’arrivo di una “nuova ed entusiasmante categoria di personal computer ibridi, che trasforma il dispositivo in uno spazio di lavoro digitale personalizzato e sicuro”. Windows nel cloud, tecnicamente parlando, non è molto diverso dalle tante opzioni di virtualizzazione disponibili sul mercato (si pensi ai pc desktop cloud-hosted di Citrix per esempio) ma il plus dichiarato è la sua facilità d’uso e di gestione, anche sotto il profilo dei costi. Un passo in avanti, dunque, rispetto all’accesso da remoto ai pc così come lo conosciamo da più di un decennio e pensato specificatamente per le tante aziende che si stanno spostando verso un mix di attività in presenza e lontano dagli uffici. In attesa, magari, di un pc “Windows based” destinato al mondo consumer da utilizzare direttamente in un browser.

Loading…

Potenza, semplicità e sicurezza

Microsoft riassume le peculiarità di Windows 365 rispetto a tre elementi fondamentali: potenza, semplicità e sicurezza. Avviando il proprio Cloud Pc, si legge nel comunicato di lancio, gli utenti possono trasferire applicazioni, strumenti, documenti e impostazioni dal cloud a qualsiasi dispositivo sfruttando maggiore versatilità a livello di capacità di elaborazione e di archiviazione. Uno dei vantaggi di Windows 365 è quello di poter accedere e riprendere il proprio lavoro da dove lo si è lasciato su diversi dispositivi, contando sul fatto che lo stato del proprio Cloud PC rimane lo stesso, anche quando si cambia dispositivo. Per i responsabili It sarà invece più facile distribuire gli aggiornamenti senza ricorrere alla virtualizzazione e gestire i Cloud Pc proprio come gestisce i dispositivi fisici attraverso Endpoint Manager. Alla componente scurezza, la nuova soluzione di Microsoft risponde infine con un semplice paradigma: tutte le informazioni sono protette e archiviate sul cloud, non sul dispositivo, e non sarà necessario operare su reti Vpn dedicate o preoccuparsi del livello di protezione garantito dai propri dispositivi

.

microsoft porta il sistema operativo sulla nuvola con windows 365 inizia lera dei cloud pc 1

Come funziona

Cloud Pc, nella visione di Microsoft, è quindi un altro passo avanti nel personal computing all’insegna di ubiquità e personalizzazione e Windows 365 lo strumento che rende possibile questa evoluzione, aprendo un passaggio verso un futuro in cui, probabilmente, non sarà necessario un pc dedicato a Windows per usare Windows. Due, al momento, le edizioni proposte con una dozzina di configurazioni possibili: Business ed Enterprise, entrambe alimentate da Azure Virtual Desktop, mentre i singoli Cloud Pc potranno essere configurati da una a otto Cpu e con una dotazione di memoria Ram e di storage che può arrivare rispettivamente a 32 e 512 Gbyte. Gli utenti che sottoscriveranno l’abbonamento mensile alla soluzione potranno accedere via Web oppure tramite l’applicazione Remote Desktop di Microsoft a una versione “in streaming” di Windows (10 o 11, quando sarà disponibile nel corso del 2021) da tutte le piattaforme desktop, incluse Windows on Arm e macOs e anche da device Android e iOS. Creare Cloud Pc, confermano da Microsoft, richiederà solo pochi minuti e per assegnarli ai vari addetti aziendali non servirà hardware fisico dedicato, proprio perché l’intero pc Windows è nel cloud.

 

Scopri di più